Lorenzo Zelaschi
Photography

Restituire gli albori alla giungla

Giungla di Sauraha, Chitwan Park, Nepal – 22/03/2018

Mi trovo nella piccola cittadina di Sauraha, nel Nepal meridionale: qui un gruppo di ragazzi, mossi da alti ideali, organizzano delle uscite per pulire la giungla dai rifiuti; pagano tutto di tasca loro e, nel farlo, coinvolgono anche i turisti che vogliono unirsi all’esperienza.

Io sono stato uno di questi, alternando il dare una mano agli scatti fotografici.

Queste attività, sembrano essere ‘perle in un mare di catrame’, ma io sono certo che questi ragazzi non sono gli unici sul pianeta a mettere la propria passione al servizio di un bene più grande.

In me nasce una riflessione:

il Mondo in cui viviamo, cioè la società creata dall’uomo, è davvero cosìintriso di sola negatività e destinato all’autodistruzione?O ci troviamo, invece, in cima ad una cuspide, in cui ognuno di noi è chiamato a compiere una scelta, prima di tutto dentro di Sé?

Vita oppure morte? Perdono oppure risentimento? Cooperazione oppure antagonismo?

Non ci sono risposte giuste o sbagliate – si tratta di una libera scelta a cui chiunque deve poter arrivare coi propri tempi – ma, certamente, conseguenze e responsabilità da portare, verso noi stessi e chi verrà dopo di noi, derivanti dall’intraprendere l’una o l’altra direzione.

Lorenzo Zelaschi – Sauraha, Chitwan Park, Nepal (28/03/2018)

 

 

RETURNING THE JUNGLE TO ITS ORIGINAL BEAUTY

Jungle ofSauraha, Chitwan Park, Nepal – 22/03/2018

I am in the small town of Sauraha, in southernNepal: here a group of youngpeople, driven by high ideals, organizetrips to clean the jungle from waste; theypayeverything from theirownpockets and, in doing so, theyalso involve touristswhowant to join the experience.

I wasone of these, alternatingbetweenhelping out and takingphotographs.

Theseyoungpeopleseem to be “diamonds in the rough”, butI’msurethey are not the onlyones on the planetwho put theirpassion to the service of a greatergood.

A thoughtcomes to me:

is the world in whichwe live in, thatis, the society created by man, really so full of negativityalone and destined to self-destruction?Or do wefindourselves on top of a cusp, whereeach of usiscalledupon to make a choice, first of allwithinourselves?

Life or death? Forgivenessor resentment? Cooperation or antagonism?

There are no right or wronganswers – itisa free choicethateveryone must be able to make in theirown time – but, certainly, consequences and responsibilitieswillarise for ourselves and for thosewho come afterus, stemming from havingundertakenonedirection or the other.

Lorenzo Zelaschi – Sauraha, Chitwan Park, Nepal (28/03/2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *